no!

no

Referendum Costituzionale.

Incontro pubblico per la costituzione del comitato locale per il NO al referendum sulle modifiche effettuate alla Costituzione dal Governo Renzi.

Presso Villa 5 – Parco Dalla Chiesa, Collegno – 19 maggio 2016.

L’incontro viene aperto dal padrone di casa Gabriele Moroni dell’ARCI che condivide la posizione referendaria negativa con l’ANPI. La riforma costituzionale, proposta dal Governo e non dal Parlamento come prevede la Costituzione, compromette la partecipazione democratica del popolo.

Il superamento del bicameralismo perfetto che deriva dalla riforma sbilancia la gestione del potere in direzione del Presidente del Consiglio, realizzando quanto già teorizzato in precedenza.

Secondo la Prof.ssa di diritto costituzionale, presso l’Università di Torino, Alessandra Algostino, il processo di attacco alla democrazia concluso con questa riforma ha avuto inizio negli anni ottanta, tendendo ad una verticalizzazione della gestione del potere.

Il disegno di legge governativo Boschi è stato votato, da un Parlamento delegittimato dal fatto di essere stato eletto con una legge elettorale dichiarata anticostituzionale dalla Corte Costituzionale, senza la necessaria ampia condivisione della Nazione prevista dalla Costituzione.

La nostra è una Costituzione armonica nei meccanismi di equilibrio fra i poteri dello Stato. La riforma, invece, tende a concentrare i poteri nelle mani del Presidente del Consiglio attraverso un depotenziamento dei controlli del Parlamento.

Sposando questa riforma costituzionale alla nuova legge elettorale approvata dal Parlamento in carica e denominata “italicum”, si otterrà un vulnus democratico netto, basti dire che l’abnorme premio di maggioranza previsto assegnerà il 54% dei seggi a chi prenderà il 40% dei voti al primo turno o (molto più probabilmente) il 20% al secondo turno. Il Paese sarà governato da una minoranza e non da una maggioranza con una Costituzione svuotata dei suoi contenuti di equilibrio.

Per approfondire le motivazioni del no, si rimanda al sito http://www.iovotono.it/.

c’è modo e modo

black blok

Ecco che al Brennero si rinnovano gli schemi già noti: ad ogni azione, corrisponde una reazione. Circa 500 così detti “No Borders” si sono recati a piedi verso il confine, sulla strada statale, verso uno dei punti dove, secondo i piani annunciati da Vienna, saranno ripristinati i controlli e posizionate le barriere metalliche anti-migranti. “Distruggiamo le barriere”, lo slogan del corteo organizzato dall’ala più dura dei manifestanti. Gli organizzatori della protesta anarchica, alla quale non partecipano partiti politici, hanno rifiutato ogni tipo di contatto e trattativa con la questura di Bolzano. Alla provocazione austriaca è corrisposta quindi questa reazione. Intanto l’Europa sta a guardare continuando a considerare i migranti come un “problema” riguardante solo i paesi di confine, di conseguenza da corda a Stati come l’Austria che evidentemente covano ancora gli antichi virus della malattia nazista.

Molti sono i modi di manifestare, anche questo lo è: “Con la mente e con il cuore, con speranza e senza vane nostalgie, come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede, sogno un nuovo umanesimo europeo”, ha detto il Papa. “Sogno un’Europa giovane, capace di essere ancora madre. Sogno un’Europa che si prende cura del bambino, che soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo. Sogno un’Europa, in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

La questione è evidentemente di portata epocale, occorre porre rimedio. A tal fine, come ha detto il Papa, ci farà bene evocare i padri fondatori dell’Europa. Essi seppero cercare strade alternative, innovative in un contesto segnato dalle ferite della guerra. Essi osarono cercare soluzioni multilaterali ai problemi che poco a poco diventavano comuni. I progetti dei padri fondatori, araldi della pace e profeti dell’avvenire, non sono superati: ispirano, oggi più che mai, a costruire ponti e abbattere muri.